Archivio

Posts Tagged ‘dow jones’

Chiudiamo con i possibili prossimi target

agosto 17, 2011 Lascia un commento

Sotto trovate il link con le possibili proiezioni dei target del mercato. Analisi al solito precisa del buon V. Frigieri del LombardReport.

Buona lettura e ci risentiamo a settembre.

http://www.lombardreport.com/lr/articolo.asp?id_articolo=29950

 

Annunci

Ipotesi sul futuro dei mercati

agosto 11, 2011 Lascia un commento

Fare previsioni sul futuro è certamente più un esercizio di stile che una base sulla quale lavorare, ma la valenza statistica dei movimenti di lungo periodi fa si che almeno la consapevolezza di quello che potrebbe accadere in futuro, in base a quanto successo nel passato, bisogna averla.

Qui sotto trovate il link all’analisi dei possibili scenari del mercato azionari per il prossimo futuro.

http://www.lombardreport.com/lr/articolo.asp?id_articolo=29941

 

 

Europa contro America

luglio 8, 2011 Lascia un commento

Confrontiamo il grafico settimanale dello Stoxx50 (che comprende le 50 aziende big europee) ed il Dow Jones (composto dai 30 principali titoli indistriali Usa).

Questo lo Stoxx50:

Situazione in perenne fase laterale, che è lo specchio della situazione stagnante dell’economia europea, con la Germania a fare da traino ed i paesi meditteranei da zavorra. Questo tira e molla da come risultato quanto sopra.

Questo il Dow Jones:

Sembra un grafico di fine anni ’90, quando tutto era rosa e la salita ed il benessere delle borse sembrava essere senza fine!

Indice sui massimi e titoli che macinano nuovi record, e utili che spesso sorprendono in positivo.

Sembra che a dividere Europa e Stati Uniti ci sia una galassia più che un oceano.

I massimi assoluti sul Dow Jones sono poco sopra i 14.000 punti e adesso sembra pronto ad attaccare i 13.000, siamo molto vicini alla meta, nonostante tutti i problemi.

Lo Stoxx 50 ha fatto i massimi assoluti a 5500 punti nel 2000, e adesso siamo a 2900 punti.  Anche stringendo il campo ai massimi del 2007, si parla sempre di un top a 4500. Se adesso riesce a tornare ai massimi a 3 anni a 3000 punti, necessita ancora di una salita ulteriore del 50% solo per tornare ai massimi del 2007.  Good luck Europe!

 

Categorie:Markets Tag:,

Dow Jones

giugno 21, 2011 Lascia un commento

Questa la situazione al close di ieri sera del Dow Jones, l’indice che meglio sta sopportando la discesa di questo nerissimo giugno. In questi giorni sapremo se un rimbalzo è realmente fattibile o se sarà solo una piccola salita tecnica per scaricare gli indicatori in ipervenduto. Già oggi il D.J. dovrebbe arrivare a ridosso della zona critica segnalata dalla freccia, dove passano: media mobile, resistenza statica e parte alta del canale ribassista. Il forte supporto a 12.000 pur con fatica ma ha retto e adesso l’analisi del software indica addirittura la possibilità statistica di andare a formare nuovi massimi, se i minimi di onda 4 resteranno questi. Diciamo che al momento, vista la situazione, anche un rimbalzo in zona 12500 sarebbe già una buona cosa.

Alcuni titoli del paniere del D.J. sono sui massimi di periodo! Questo spiega la diversa impostazione tecnica e di forza di questo indice rapportato alla maggioranza degli altri. Questa non è solo un’annotazione tecnica, ma se si vanno a cercare i motivi di questa maggior forza dei titoli industriali (solitamente ritenuti più solidi e affidabili), si capisce che i grandi investitori stanno spostando capitali dai titoli a maggior sviluppo potenziale (vedi molti titoli del Nasdaq in forte difficoltà come Apple e Google), verso i più solidi buon vecchi titoli industriali.

Non è una buona notizia per le possibili sorti del mercato in generale per questa estate, ma almeno ci da un’indicazione di dove andare a cercare la forza nei momenti di rimbalzo rialzista, e dove shortare con maggior sicurezza appena riprende il ribasso. Cosa non da poco!

 

Categorie:Markets Tag: